Progetto S al Festival InDivenire


 

PROGETTO S – Compagnia di Danza Contemporanea 
al Festival InDivenire di Roma allo Spazio Diamante – via Pranestina 230/B
presenta 

VINCERE! VINCERE! VINCERE? 
di Mario Coccetti 

con Salvatore Sciancalepore e Rocco Suma

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Progetto S nasce dalla volontà di far convergere in un linguaggio drammaturgico (fulcro unitario del lavoro) la forza comunicativa del teatro e la potenza espressiva dei corpi scenici, attraverso l’utilizzo di discipline fortemente impattanti. Il teatro fisico e la coreografia del CORPO sono gli elementi portanti di tutto il progetto, coadiuvati dalla spazialità della LUCE e dalla regia della MUSICA che unisce i linguaggi in un credo comune. Creazione artistica, narrazione, tecnica, empatia con il pubblico e massaggio sociale, sono i punti di forza di questo progetto. SIN e BORDER, le due creazioni, pur con una propria autonomia in scena, mantengono uno stretto legame tra loro basato su un fulcro unitario della composizione coreografica riferita alla relazione tra essere umano, attualità e quotidianità.

Se in SIN i corpi procedono nello sviscerare le possibili declinazioni di un legame passando tra le dinamiche del dominio, della sottomissione, del prosciugamento, dell’assenso, del contrasto, del desiderio, dell’abbandono, del controllo, della scoperta e della perdita di un rapporto di coppia, in BORDER la ricerca coreografica sposta l’attenzione sul viaggio che conduce ad una nuova vita e del valore della scoperta attraverso la diversità delle persone e dei popoli.

visita la pagina dedicata  Progetto S